Sul generatore di Scott Russell