Sulla smarginatura. Tre punti-chiave su Elena Ferrante