Nel volume si documenta a grandi linee il percorso di ricerca-azione che, nel contesto di una città terremotata, L’Aquila, ha visto l’attività outdoor come una possibilità importante per promuovere apprendimenti significativi, ancorati al territorio, proiettati alla cittadinanza, stimolanti per la ricerca, individuale e di gruppo, di strategie e di capacità resilienti. Le attività svolte all’Aquila nel post-terremoto hanno favorito una serie di riflessioni che lasciano emergere la possibilità dell’estensione delle pratiche outdoor in tutti i contesti educativi, sia quelli segnati dalle emergenze e dunque extraordinari, sia quelli che presentano i caratteri dell’ordinarietà, della, forse mai normale, “normalità”.

L’educazione outdoor: territorio, cittadinanza, identità plurali fuori dalle aule scolastiche

CALANDRA, LINA MARIA;VACCARELLI, ALESSANDRO
2016

Abstract

Nel volume si documenta a grandi linee il percorso di ricerca-azione che, nel contesto di una città terremotata, L’Aquila, ha visto l’attività outdoor come una possibilità importante per promuovere apprendimenti significativi, ancorati al territorio, proiettati alla cittadinanza, stimolanti per la ricerca, individuale e di gruppo, di strategie e di capacità resilienti. Le attività svolte all’Aquila nel post-terremoto hanno favorito una serie di riflessioni che lasciano emergere la possibilità dell’estensione delle pratiche outdoor in tutti i contesti educativi, sia quelli segnati dalle emergenze e dunque extraordinari, sia quelli che presentano i caratteri dell’ordinarietà, della, forse mai normale, “normalità”.
978-88-6760-390-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/109309
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact