Osservazioni sull’«Alfabeto aquilano»