La cultura “appenninica”: semplice etichetta o chiave di lettura etnolinguistica?