Disfunzione diastolica e scompenso cardiaco. Il punto di vista del neurologo