Una ricerca del DICEAA-Università dell’Aquila e della Regione Abruzzo analizza il tema della prevenzione del rischio sismico secondo tre componenti: la vulnerabilità degli edifici, le prestazioni della pianificazione di emergenza (Condizione Limite per l’Emergenza) e la Microzonazione sismica. La ricerca combina queste componenti per determinare gli scenari di rischio, non solo di origine sismica, con lo scopo di analizzare la funzionalità urbana rispetto alle operazioni di protezione civile, e di individuare, soprattutto, una metodologia avanzata di pianificazione che integri il tema della sicurezza nei processi di trasformazione urbana. La metodologia è stata applicata al caso studio di Sulmona (AQ), uno dei cantieri pilota del Piano “Casa Italia”, e in particolare nel suo centro storico e alla prima espansione novecentesca, per i quali il CNR e la stessa Regione Abruzzo hanno raccolto dati puntuali attraverso il “Progetto S.I.S.M.A.”. Dallo studio dell’area emergono molti fattori di esposizione, di vulnerabilità e di rischio significativi e una ridotta funzionalità urbana in ordine alla security (sicurezza legata ai disastri naturali e antropogenici). I risultati delle analisi suggeriscono la centralità del Progetto Urbanistico e delle Politiche pubbliche urbane, delle modalità di trasformazione della città contemporanea, della valutazione delle sue prestazioni nell’affrontare il tema sella security. Fondamentali diventano i nuovi modelli sociali (le relazioni), le nuove dimensioni degli spazi urbani (in particolari quelli pubblici o di uso pubblico), le piattaforme di condivisione e di conoscenza dinamica dei fattori di rischio e di prevenzione, le potenzialità del IoT (Internet of Thing), della sensoristica e delle Reti digitali mobile.

Rischi e funzionalità urbana per la pianificazione dell'emergenza. Il caso studio di Sulmona (AQ).

Donato Di Ludovico
;
Luana Di Lodovico;BASI, MARIA
2017-01-01

Abstract

Una ricerca del DICEAA-Università dell’Aquila e della Regione Abruzzo analizza il tema della prevenzione del rischio sismico secondo tre componenti: la vulnerabilità degli edifici, le prestazioni della pianificazione di emergenza (Condizione Limite per l’Emergenza) e la Microzonazione sismica. La ricerca combina queste componenti per determinare gli scenari di rischio, non solo di origine sismica, con lo scopo di analizzare la funzionalità urbana rispetto alle operazioni di protezione civile, e di individuare, soprattutto, una metodologia avanzata di pianificazione che integri il tema della sicurezza nei processi di trasformazione urbana. La metodologia è stata applicata al caso studio di Sulmona (AQ), uno dei cantieri pilota del Piano “Casa Italia”, e in particolare nel suo centro storico e alla prima espansione novecentesca, per i quali il CNR e la stessa Regione Abruzzo hanno raccolto dati puntuali attraverso il “Progetto S.I.S.M.A.”. Dallo studio dell’area emergono molti fattori di esposizione, di vulnerabilità e di rischio significativi e una ridotta funzionalità urbana in ordine alla security (sicurezza legata ai disastri naturali e antropogenici). I risultati delle analisi suggeriscono la centralità del Progetto Urbanistico e delle Politiche pubbliche urbane, delle modalità di trasformazione della città contemporanea, della valutazione delle sue prestazioni nell’affrontare il tema sella security. Fondamentali diventano i nuovi modelli sociali (le relazioni), le nuove dimensioni degli spazi urbani (in particolari quelli pubblici o di uso pubblico), le piattaforme di condivisione e di conoscenza dinamica dei fattori di rischio e di prevenzione, le potenzialità del IoT (Internet of Thing), della sensoristica e delle Reti digitali mobile.
9788899237097
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/119063
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact