Strutture: un allargamento nel “campo del possibile”