Interpretazione giudiziale e lacunae legis: un approccio da rivedere?