Il lavoro esamina la motivazione di una pronuncia della Corte di giustizia delle Comunità europee relativa alla parità di trattamento fra generi. Vengono in particolare messi in risalto alcuni limiti argomentativi della pronuncia medesima.

La diversa formazione professionale giustifica la differenza di retribuzione di una "stessa attività": una pronuncia sulla parià di trattamento fra i sessi che lascia irrisolti alcuni interrogativi

POLITI, FABRIZIO
1999-01-01

Abstract

Il lavoro esamina la motivazione di una pronuncia della Corte di giustizia delle Comunità europee relativa alla parità di trattamento fra generi. Vengono in particolare messi in risalto alcuni limiti argomentativi della pronuncia medesima.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/12158
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact