Una sentenza storica in materia di usi civici e proprietà collettive?