Gli spazi pubblici nel post-disastro: questioni di standard