La commistione tra sfera tecnica e politica caratterizza le politiche pubbliche in ogni loro fase: dalla formazione in sede propriamente politica alla traduzione normativa, sino alla attuazione mediante l’adozione di atti individuali di gestione amministrativa. Questa tensione caratterizza in parti- colare la decisione amministrativa, che delle politiche pubbliche costituisce momento attuativo. La problematica assume particolare evidenza nell’ordinamento europeo in cui per le caratteristiche dei processi decisionali amministrativi — soprattutto a carattere composto —, il dato tecnico e quello politico si intersecano in una pluralità di modelli di composizione. Al di là del ruolo degli apparati e della loro costruzione ad hoc diretta a realizzare una integrazione istituzionale sul piano tecnico (agenzie) e tecnico-amministrativo (comitati), i suddetti mo- delli si caratterizzano essenzialmente per la peculiare disciplina del procedi- mento. La tecnica procedimentale, delineata in particolare dalla disciplina di settore, come nei casi esaminati in materia di OGM e di Unione bancaria, pone le condizioni per la sintesi tra tecnica e politica secondo opzioni che hanno una indubbia valenza politica quali proiezione di un ordine — ancorché astratto e non definitivo — dato dal legislatore per la valutazione degli interessi coinvolti.

Tecnica e politica nelle decisioni amministrative “composte”

Walter Giulietti
2017-01-01

Abstract

La commistione tra sfera tecnica e politica caratterizza le politiche pubbliche in ogni loro fase: dalla formazione in sede propriamente politica alla traduzione normativa, sino alla attuazione mediante l’adozione di atti individuali di gestione amministrativa. Questa tensione caratterizza in parti- colare la decisione amministrativa, che delle politiche pubbliche costituisce momento attuativo. La problematica assume particolare evidenza nell’ordinamento europeo in cui per le caratteristiche dei processi decisionali amministrativi — soprattutto a carattere composto —, il dato tecnico e quello politico si intersecano in una pluralità di modelli di composizione. Al di là del ruolo degli apparati e della loro costruzione ad hoc diretta a realizzare una integrazione istituzionale sul piano tecnico (agenzie) e tecnico-amministrativo (comitati), i suddetti mo- delli si caratterizzano essenzialmente per la peculiare disciplina del procedi- mento. La tecnica procedimentale, delineata in particolare dalla disciplina di settore, come nei casi esaminati in materia di OGM e di Unione bancaria, pone le condizioni per la sintesi tra tecnica e politica secondo opzioni che hanno una indubbia valenza politica quali proiezione di un ordine — ancorché astratto e non definitivo — dato dal legislatore per la valutazione degli interessi coinvolti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
56 bis tecnica e politica.pdf

solo utenti autorizzati

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Dominio pubblico
Dimensione 313.67 kB
Formato Adobe PDF
313.67 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/136286
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact