L'"impresa" della Sfinge: l'Edipo di Tesauro