L'eccezionalità del caso clinico riportato riguarda l'età del paziente: infatti la pachidermia è rarissima in età infantile. Il bambino di cui si parla era stato operato per pachidermia laringea nel settembre 1996 all'età di 4.6 anni. I suoi genitori richiesero il nostro intervento logopedico per disfonia ingravescente nel dicembre 1996. Il bambino aveva rifiutato precedenti tentativi di terapia foniatrica e aveva cominciato a frequentare il nostro Centro nel gennaio 1997. Per la giovane età del paziente risultava improponibile un trattamento foniatrico tradizionale: abbiamo pertanto applicato in prima fase un approccio globale. A tale scopo abbiamo integrato tecniche appartenenti a metodologie diverse. Abbiamo usato il metodo Spazio-Temporale Terzi per agire sul rilassamento corporeo e sulla differenziazione tra tensione e rilassamento e tra pausa e movimento. Il metodo Emozioni e Comunicazione ci ha consentito di gestire gli "accumuli energetici", che il bambino esternava con l'abuso vocale e l'instabilità comportamentale. Solo in una seconda fase tecniche foniatriche tradizionali sono state accettate dal bambino e utilizzate per correggere e migliorare i parametri vocali. I risultati ottenuti in termini sia comportamentali che vocali con l'applicazione del trattamento integrato si mantengono a distanza di cinque anni dal termine della riabilitazione logopedica.

“An integrated protocol in a rare case of pachydermia laryngis during childhood”

LAURIELLO, MARIA;
2003

Abstract

L'eccezionalità del caso clinico riportato riguarda l'età del paziente: infatti la pachidermia è rarissima in età infantile. Il bambino di cui si parla era stato operato per pachidermia laringea nel settembre 1996 all'età di 4.6 anni. I suoi genitori richiesero il nostro intervento logopedico per disfonia ingravescente nel dicembre 1996. Il bambino aveva rifiutato precedenti tentativi di terapia foniatrica e aveva cominciato a frequentare il nostro Centro nel gennaio 1997. Per la giovane età del paziente risultava improponibile un trattamento foniatrico tradizionale: abbiamo pertanto applicato in prima fase un approccio globale. A tale scopo abbiamo integrato tecniche appartenenti a metodologie diverse. Abbiamo usato il metodo Spazio-Temporale Terzi per agire sul rilassamento corporeo e sulla differenziazione tra tensione e rilassamento e tra pausa e movimento. Il metodo Emozioni e Comunicazione ci ha consentito di gestire gli "accumuli energetici", che il bambino esternava con l'abuso vocale e l'instabilità comportamentale. Solo in una seconda fase tecniche foniatriche tradizionali sono state accettate dal bambino e utilizzate per correggere e migliorare i parametri vocali. I risultati ottenuti in termini sia comportamentali che vocali con l'applicazione del trattamento integrato si mantengono a distanza di cinque anni dal termine della riabilitazione logopedica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/14944
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact