Un Macbeth nudo. Lingua, suono e carne per tradurre l’energia del male