Editoriale. Come vincere le cause perse