La "Carta di Londra" e il Patrimonio Architettonico: riflessioni circa una possibile implementazione