Facciamo i conti con “l’altro”