Ritardo percettivo e ritardo psicomotorio: riflessioni critiche