Un’architettura di ‘confine’: il serbatoio idrico di via Eleniana a Roma dell’architetto Raffaele de Vico e dell’ingegnere Rodolfo Stoelcker