pubblicità è l'anima del commercio e non della professione liberale. Per gli avvocati è lecita solo se rispetta criteri di proporzionalità