Legislatore, Consulta, democrazia diretta: i nodi irrisolti dei servizi idrici