«Io dico sempre il vero»: la coerenza estetica nella poesia bucolica teocritea