Il mito della Frontiera americana nasce tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Prima di essere un ideale e una teoria politica, la Frontiera è un genere letterario, che si sviluppa dalla scrittura dei pionieri di origine europea sulla terra dell’Ovest americano. Se il mito della Frontiera sopravvive alla frontiera fisica, così non è per il genere letterario ad esso associato; terminata la stagione delle grandi esplorazioni, con Mark Twain si chiude la stagione epica del racconto di derivazione orale e si apre un nuova età per la narrativa americana, che troverà espressione prima in The Adventure of Huckleberry Finn.

Verso il grande Ovest: o come Twain chiude i testi dell'espansione statunitense, 1830-1860

SCANNAVINI, ANNA
2007-01-01

Abstract

Il mito della Frontiera americana nasce tra il diciottesimo e il diciannovesimo secolo. Prima di essere un ideale e una teoria politica, la Frontiera è un genere letterario, che si sviluppa dalla scrittura dei pionieri di origine europea sulla terra dell’Ovest americano. Se il mito della Frontiera sopravvive alla frontiera fisica, così non è per il genere letterario ad esso associato; terminata la stagione delle grandi esplorazioni, con Mark Twain si chiude la stagione epica del racconto di derivazione orale e si apre un nuova età per la narrativa americana, che troverà espressione prima in The Adventure of Huckleberry Finn.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/17699
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact