Verso una neuroanatomia del delirio?