«S’io non parlo e spapuro, crepo e schiatto»: l’irruente voce di un poeta dialettale escluso dal canone