Presso l'Universita' dell'Aquila e' stata realizzata un'apparecchiatura per "imaging" basato sulle risonanze di spin elettronico (EPRI) e sulle doppie risonanze elettroniche-nucleari (PEDRI). Tale apparecchiatura permette di ottenere, a valori di campo magnetico molto inferiori di quello usato per l'imaging diagnostico tramite Risonanze Nucleari, una eguale sensibilita' ed una maggiore specificita'. Essa e' costituita da un magnete multipolare realizzato con lamierini magnetici ad alta permeabilita'. Il ricorso al Metodo agli Elemeti Finiti ha permesso di ottimizzare il progetto del magnete in modo da garantire una densita' di flusso massima, nella parte centrale, di 0.08 T ed una uniformita' di campo di circa 40 ppm, in una regione sferica di 14 cm.

Progetto ottimizzato di un Magnete Multipolare per Tomografia a Basso Campo Magnetico

VILLANI, Marco
1994-01-01

Abstract

Presso l'Universita' dell'Aquila e' stata realizzata un'apparecchiatura per "imaging" basato sulle risonanze di spin elettronico (EPRI) e sulle doppie risonanze elettroniche-nucleari (PEDRI). Tale apparecchiatura permette di ottenere, a valori di campo magnetico molto inferiori di quello usato per l'imaging diagnostico tramite Risonanze Nucleari, una eguale sensibilita' ed una maggiore specificita'. Essa e' costituita da un magnete multipolare realizzato con lamierini magnetici ad alta permeabilita'. Il ricorso al Metodo agli Elemeti Finiti ha permesso di ottimizzare il progetto del magnete in modo da garantire una densita' di flusso massima, nella parte centrale, di 0.08 T ed una uniformita' di campo di circa 40 ppm, in una regione sferica di 14 cm.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/18239
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact