Il trascendentale e la morte. Sulla “potenza del pensiero” in Giovanni Gentile