Il saggio di Emilio Cecchi qui di seguito riportato è il seguente: L’estetica della crudeltà, in “Risorgimento liberale”, 31 gennaio 1945, poi raccolto in E. Cecchi, Scrittori inglesi e americani. Saggi, note e versioni, Il Saggiatore, Milano 1964, pp. 213-217 (4 ed. riveduta e accresciuta). Nel riproporre oggi il tema della crudeltà in rapporto alle diverse espressioni artistiche, è sembrato opportuno ritornare su queste brevi ma acute note che, dal punto di vista squisitamente estetico, Emilio Cecchi dedicò nel 1945 alla questione in oggetto rileggendo le “principali letterature d’occidente”.

Introduzione al testo di Emilio Cecchi

SPINOSA D
2012

Abstract

Il saggio di Emilio Cecchi qui di seguito riportato è il seguente: L’estetica della crudeltà, in “Risorgimento liberale”, 31 gennaio 1945, poi raccolto in E. Cecchi, Scrittori inglesi e americani. Saggi, note e versioni, Il Saggiatore, Milano 1964, pp. 213-217 (4 ed. riveduta e accresciuta). Nel riproporre oggi il tema della crudeltà in rapporto alle diverse espressioni artistiche, è sembrato opportuno ritornare su queste brevi ma acute note che, dal punto di vista squisitamente estetico, Emilio Cecchi dedicò nel 1945 alla questione in oggetto rileggendo le “principali letterature d’occidente”.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/186182
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact