Il saggio, nel ripercorrere il dibattito sulla rappresentanza sindacale nell’impiego privato, propone una disaggregazione dell’analisi, in relazione alla necessità di calare i diversi modelli nei contesti nei quali si esprime il potere negoziale del sindacato. Nello specifico, per quanto riguarda la contrattazione collettiva nazionale di categoria, si aderisce alla tesi che ricostruisce la rappresentanza sindacale come rappresentanza associativa, mentre la rappresentanza sindacale nelle singole aziende si caratterizza come rappresentanza istituzionale (viene, in particolare, individuata la disciplina negoziale sulle rsu che derivano il loro potere dalla consultazione elettorale di tutti i dipendenti occupati nell’azienda). L’analisi poi sulla rappresentatività sindacale, con riguardo alla nozione di sindacato comparativamente più rappresentativo, si confronta, per un verso, con l’art. 39 Cost. e si conclude, per altro verso, con l’osservazione che i contratti collettivi ai quali la legge connette effetti legali richiedono l’”unità contrattuale” del sindacato. Si propone, infine, un intervento legislativo volto a generalizzare l’esperienza delle rappresentanze sindacali aziendali e a poggiare il richiamo alla maggiore rappresentatività comparata su un meccanismo elettorale e associativo insieme, in relazione alla devoluzione di funzioni demandate dalla legge.

Contratto collettivo, rappresentanza e rappresentatività sindacale: spunti per il dibattito

LAMBERTUCCI, PIETRO
2009-01-01

Abstract

Il saggio, nel ripercorrere il dibattito sulla rappresentanza sindacale nell’impiego privato, propone una disaggregazione dell’analisi, in relazione alla necessità di calare i diversi modelli nei contesti nei quali si esprime il potere negoziale del sindacato. Nello specifico, per quanto riguarda la contrattazione collettiva nazionale di categoria, si aderisce alla tesi che ricostruisce la rappresentanza sindacale come rappresentanza associativa, mentre la rappresentanza sindacale nelle singole aziende si caratterizza come rappresentanza istituzionale (viene, in particolare, individuata la disciplina negoziale sulle rsu che derivano il loro potere dalla consultazione elettorale di tutti i dipendenti occupati nell’azienda). L’analisi poi sulla rappresentatività sindacale, con riguardo alla nozione di sindacato comparativamente più rappresentativo, si confronta, per un verso, con l’art. 39 Cost. e si conclude, per altro verso, con l’osservazione che i contratti collettivi ai quali la legge connette effetti legali richiedono l’”unità contrattuale” del sindacato. Si propone, infine, un intervento legislativo volto a generalizzare l’esperienza delle rappresentanze sindacali aziendali e a poggiare il richiamo alla maggiore rappresentatività comparata su un meccanismo elettorale e associativo insieme, in relazione alla devoluzione di funzioni demandate dalla legge.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/19635
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact