Il rapporto che legò la giovinezza professionale di Virginio Vespignani alla cultura scientifico antiquaria internazionale dei grandi viaggiatori a cavallo del XVIII e XIX secolo, presenti a Roma negli anni venti e trenta dell’Ottocento, costituisce un elemento di ulteriore conoscenza della formazione, e di valutazione delle più tarde scelte, dell’architetto romano. L’acribia con la quale Vespignani ha riprodotto i dettagli costruttivi di importanti monumenti dell’antichità e l’evidente curiosità nei confronti della presenza del colore, rilevabili nelle minuziose tavole conservate al sir John Soane’ Museum - di cui qui si è ripercorsa la storia, corredandola di alcune significative riproduzioni, e di cui si riporta in appendice l’elenco relativo al volume 22 - collocano entro il più ampio orizzonte della cultura neoclassica e romantica europea la qualità e il colorismo dell’architetto-restauratore dell’ultimo Papa Re.

Disegni su “l’architettura antica d’Italia” del giovane Virginio Vespignani

CIRANNA, SIMONETTA
2001-01-01

Abstract

Il rapporto che legò la giovinezza professionale di Virginio Vespignani alla cultura scientifico antiquaria internazionale dei grandi viaggiatori a cavallo del XVIII e XIX secolo, presenti a Roma negli anni venti e trenta dell’Ottocento, costituisce un elemento di ulteriore conoscenza della formazione, e di valutazione delle più tarde scelte, dell’architetto romano. L’acribia con la quale Vespignani ha riprodotto i dettagli costruttivi di importanti monumenti dell’antichità e l’evidente curiosità nei confronti della presenza del colore, rilevabili nelle minuziose tavole conservate al sir John Soane’ Museum - di cui qui si è ripercorsa la storia, corredandola di alcune significative riproduzioni, e di cui si riporta in appendice l’elenco relativo al volume 22 - collocano entro il più ampio orizzonte della cultura neoclassica e romantica europea la qualità e il colorismo dell’architetto-restauratore dell’ultimo Papa Re.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/19922
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact