Interlocutore divino e lettori terreni: la funzione-destinatario nelle Confessioni di Agostino