La conoscenza del singolare in Walter Burley