Lo stato "soporoso" e la capacità di intendere e di volere attraverso l'analisi di una vicenda processuale