Privatezza e soggettività: un’ipotesi sulla coscienza animale