Dialetto e didattica: un rapporto difficile?