Ermia Alessandrino (V sec. d. C.) ci presenta un Socrate non aporetico, che non conosce l'autoconfutazione e che prende le distanze dal parere dei più. Sono considerate le varie definizioni di amore e il loro valore assiologico talvolta positivo talvolta negativo. Paralleli con Proclo.

L’ambiguità di amore nel Commento al Fedro di Ermia alessandrino, «Documenti e studi sulla tradizione filosofica medievale» ix (1998), pp. 21-34.

LONGO, ANGELA
1998

Abstract

Ermia Alessandrino (V sec. d. C.) ci presenta un Socrate non aporetico, che non conosce l'autoconfutazione e che prende le distanze dal parere dei più. Sono considerate le varie definizioni di amore e il loro valore assiologico talvolta positivo talvolta negativo. Paralleli con Proclo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11697/21824
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact