Due note per Giorgio di Giovanni e la cultura peruzziana a Siena