Possibilità e limiti della risonanza magnetica nell’iter diagnostico della cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro