Oralità. Da Omero ai mass media