Il pensiero bastardo. Figurazione dell’invisibile e comunicazione indiretta