Gneratisi a Haiti, nella prima Black Republic della storia, grazie ad uno strano incrocio tra spurie tradizioni africane e modernizzazione indotta dal colonialismo nordamericano, adottati da Hollywood e subito divenuti eroi del cinema di genere, gli zombi, come i loro successori americani, i living dead, ossessionano l'immaginario contemporaneo. La filosofia non li può ignorare perché sono il rovescio speculare del Dasein, vale a dire del protagonista indiscusso del pensiero novecentesco: non sono per-la-morte, non hanno "mondo", non sono progetto, non sono storici. In somma non "esistono" nel senso fenomenologico ed esistenziale del termine. Semplicemente insistono avanzando stupidamente nel desertto del reale

Zombie outbreak. La filosofia e i morti-viventi

RONCHI, ROCCO
2015-01-01

Abstract

Gneratisi a Haiti, nella prima Black Republic della storia, grazie ad uno strano incrocio tra spurie tradizioni africane e modernizzazione indotta dal colonialismo nordamericano, adottati da Hollywood e subito divenuti eroi del cinema di genere, gli zombi, come i loro successori americani, i living dead, ossessionano l'immaginario contemporaneo. La filosofia non li può ignorare perché sono il rovescio speculare del Dasein, vale a dire del protagonista indiscusso del pensiero novecentesco: non sono per-la-morte, non hanno "mondo", non sono progetto, non sono storici. In somma non "esistono" nel senso fenomenologico ed esistenziale del termine. Semplicemente insistono avanzando stupidamente nel desertto del reale
978-88-99299-00-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/28569
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact