La filosofia di Arthur Schopenhauer (1788-1860) è diventata popolare per le sue concezioni del genio e dell’arte, della compassione e dell’ascetismo, che offrono quiete e salvezza nei confronti di una volontà metafisica che travolge e rende infelice la vita umana. Ma questo volere incessante è anche altro: costituisce il mondo, si estrinseca nella natura e produce le sue molteplici forme. Compito del filosofo è cogliere e spiegare le modalità di tale produzione, e questo avviene in collaborazione con le scienze, attraverso l’elaborazione di una filosofia della natura. Vitale e pervasivo, il rapporto tra metafisica e conoscenze scientifiche segna profondamente il senso della ricerca intellettuale di Schopenhauer. E la filosofia della natura, pur se meno indagata e celebrata rispetto all’estetica e all’etica, appare un elemento essenziale per la metafisica della volontà. Questo volume si propone di mostrare la genesi e lo sviluppo del pensiero di Schopenhauer alla luce della filosofia della natura e in relazione alla cultura filosofica e scientifica tra Settecento e Ottocento, con una particolare attenzione all’importanza delle scienze nella redazione del Mondo come volontà e rappresentazione (1819) e delle opere successive. L’indagine condotta sulle vicende biografiche, sui testi editi e inediti, sui libri raccolti e glossati nella biblioteca privata del filosofo diviene strumento per l’analisi delle sue tesi sulla filosofia come sistema, sulla volontà come essenza del mondo e origine dei fenomeni, sul rapporto tra indagine filosofica e ricerca scientifica.

The philosophy of Arthur Schopenhauer (1788-1860) was and is still very popular, in particular the doctrines on genius and the arts, compassion and asceticism, as far as they offer salvation from unhappiness in the world originated from the blind and irrational metaphysical will. Yet Schopenhauer goes further in stating what the will produces: he also explains the becoming of such a production. As natural forms and processes are “the will in nature”, Schopenhauer’s task is to understand and describe how the will becomes nature. Such a comprehension is acquired through philosophy of nature together with deep insight into scientific knowledge. Schopenhauer attributed great importance to the relationships between metaphysics and the sciences. It marked Schopenhauer’s choices in his intellectual career and oriented the development of his philosophical system. Even if his philosophy of nature is less celebrated and investigated than aesthetics or moral philosophy, it is essential for the comprehension of the notion of will. The present monograph aims to show how the genesis and development of Schopenhauer’s thought are related to both his philosophy of nature and his analysis of the scientific and philosophical culture of his times. Particular emphasis is given to the importance of scientific knowledge and arguments in his works, beginning with The World as Will and Representation (1819).

Schopenhauer, la filosofia, le scienze

SEGALA, MARCO
2009

Abstract

La filosofia di Arthur Schopenhauer (1788-1860) è diventata popolare per le sue concezioni del genio e dell’arte, della compassione e dell’ascetismo, che offrono quiete e salvezza nei confronti di una volontà metafisica che travolge e rende infelice la vita umana. Ma questo volere incessante è anche altro: costituisce il mondo, si estrinseca nella natura e produce le sue molteplici forme. Compito del filosofo è cogliere e spiegare le modalità di tale produzione, e questo avviene in collaborazione con le scienze, attraverso l’elaborazione di una filosofia della natura. Vitale e pervasivo, il rapporto tra metafisica e conoscenze scientifiche segna profondamente il senso della ricerca intellettuale di Schopenhauer. E la filosofia della natura, pur se meno indagata e celebrata rispetto all’estetica e all’etica, appare un elemento essenziale per la metafisica della volontà. Questo volume si propone di mostrare la genesi e lo sviluppo del pensiero di Schopenhauer alla luce della filosofia della natura e in relazione alla cultura filosofica e scientifica tra Settecento e Ottocento, con una particolare attenzione all’importanza delle scienze nella redazione del Mondo come volontà e rappresentazione (1819) e delle opere successive. L’indagine condotta sulle vicende biografiche, sui testi editi e inediti, sui libri raccolti e glossati nella biblioteca privata del filosofo diviene strumento per l’analisi delle sue tesi sulla filosofia come sistema, sulla volontà come essenza del mondo e origine dei fenomeni, sul rapporto tra indagine filosofica e ricerca scientifica.
978-88-7642-358-1
The philosophy of Arthur Schopenhauer (1788-1860) was and is still very popular, in particular the doctrines on genius and the arts, compassion and asceticism, as far as they offer salvation from unhappiness in the world originated from the blind and irrational metaphysical will. Yet Schopenhauer goes further in stating what the will produces: he also explains the becoming of such a production. As natural forms and processes are “the will in nature”, Schopenhauer’s task is to understand and describe how the will becomes nature. Such a comprehension is acquired through philosophy of nature together with deep insight into scientific knowledge. Schopenhauer attributed great importance to the relationships between metaphysics and the sciences. It marked Schopenhauer’s choices in his intellectual career and oriented the development of his philosophical system. Even if his philosophy of nature is less celebrated and investigated than aesthetics or moral philosophy, it is essential for the comprehension of the notion of will. The present monograph aims to show how the genesis and development of Schopenhauer’s thought are related to both his philosophy of nature and his analysis of the scientific and philosophical culture of his times. Particular emphasis is given to the importance of scientific knowledge and arguments in his works, beginning with The World as Will and Representation (1819).
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/28681
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact