Questo testo riprende, con alcuni aggiornamenti e dopo qualche anno, i temi sviluppati dall’Università dell’Aquila (Univaq) nell’ambito della ricerca PRIN 2005 “Forme Plurime della pianificazione regionale” (coord. Prof. Attilio Belli) e le ricerche del Network SPHERA (Spatial Planning Harmonization European Regional Authorities), focalizzando il proprio interesse sull’evoluzione dei sistemi di pianificazione delle Regioni del centro Italia (Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise), che si è inteso considerare come l’Italia Mediana, definizione che va inquadrata in un ambito più ampio rispetto a quello strettamente geografico che definisce l’assetto storico del territorio italiano. Lo spostamento dei mercati verso oriente ha prodotto un generale riassetto del sistema infrastrutturale nazionale ed europeo. La individuazione di Corridoi e Piattaforme semplifica l’interpretazione di questa nuova dimensione e in questo quadro l’Italia Mediana si propone come snodo di flussi internazionali Nord-Sud ed Est-Ovest nell’ambito del Mediterraneo. Il testo indaga le potenzialità di questa nuova dimensione attraverso il filtro interpretativo macroregionale ed attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla pianificazione e programmazione nazionale, ma in particolare europea, come i progetto di territorio.

Italia Mediana, una Macroregione, Strategie, Piani e Paesaggi

DI LUDOVICO, DONATO;
2015

Abstract

Questo testo riprende, con alcuni aggiornamenti e dopo qualche anno, i temi sviluppati dall’Università dell’Aquila (Univaq) nell’ambito della ricerca PRIN 2005 “Forme Plurime della pianificazione regionale” (coord. Prof. Attilio Belli) e le ricerche del Network SPHERA (Spatial Planning Harmonization European Regional Authorities), focalizzando il proprio interesse sull’evoluzione dei sistemi di pianificazione delle Regioni del centro Italia (Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise), che si è inteso considerare come l’Italia Mediana, definizione che va inquadrata in un ambito più ampio rispetto a quello strettamente geografico che definisce l’assetto storico del territorio italiano. Lo spostamento dei mercati verso oriente ha prodotto un generale riassetto del sistema infrastrutturale nazionale ed europeo. La individuazione di Corridoi e Piattaforme semplifica l’interpretazione di questa nuova dimensione e in questo quadro l’Italia Mediana si propone come snodo di flussi internazionali Nord-Sud ed Est-Ovest nell’ambito del Mediterraneo. Il testo indaga le potenzialità di questa nuova dimensione attraverso il filtro interpretativo macroregionale ed attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla pianificazione e programmazione nazionale, ma in particolare europea, come i progetto di territorio.
9788896868454
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/29089
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact