La presente invenzione ha per oggetto ulteriori innovazioni per quanto riguarda gli apparati di sostentazione e guida a levitazione magnetica, per sistemi di trasporto di massa (merci e/o persone) che operano anche ad altissime velocità di transito, i cui principi generali di funzionamento, già proposti nel 1990 dal brevetto di Giovanni Lanzara (U.S. Patent N° 4,979,445), si basano sul fenomeno conosciuto come effetto Meissner, tipico dei materiali superconduttori interagenti con campi magnetici applicati. Il sistema di levitazione innovativo che si propone, consta di: - Equipaggiamento, solidale alla via di corsa, composto da un binario con due guidovie parallele, costituite da travi in ferro, con sezione trasversale bilatera a forma di “V”, "L" o similare, con magneti permanenti che generano un campo magnetico statico; - Equipaggiamento, posto al di sotto del pianale del veicolo in corrispondenza delle suddette guidovie, costituito da “pattini”, a sezione trasversale concava a forma di “V”, "L" o similare, con lastre superconduttive ad alta temperatura critica, allocate stabilmente in appositi contenitori criogenici, raffreddate con azoto liquido. L’interazione tra il campo magnetico generato dalle guidovie, fisse a terra, ed i materiali superconduttori, posti a bordo del veicolo, produce, in corrispondenza di tutte le fasi del moto e per qualsiasi velocità di transito, forze di levitazione le cui componenti, verticali e trasversali, sono in grado rispettivamente di sollevare il veicolo, mantenerlo sospeso ad una certa distanza dal piano della via e di guidarlo lungo la stessa. Il sistema di levitazione magnetica proposto è di tipo repulsivo, stabile, autoequilibrante e non produce resistenze magnetiche lungo la direzione longitudinale del moto

“SISTEMA DI SOSTENTAZIONE E GUIDA A LEVITAZIONE MAGNETICA, COSTITUITO DA GUIDOVIA BILATERA IN FERRO CON MAGNETI PERMANENTI, SOLIDALE ALLA V IA DI CORSA, INTERAGENTE CON “PATTINI” SUPERCONDUTTIVI AD ALTA TEMPERATURA CRITICA, CON SAGOMA CONIUGATA ALLA VIA, POSTI A BORDO DEL VEICOLO

D'OVIDIO, GINO;
2007

Abstract

La presente invenzione ha per oggetto ulteriori innovazioni per quanto riguarda gli apparati di sostentazione e guida a levitazione magnetica, per sistemi di trasporto di massa (merci e/o persone) che operano anche ad altissime velocità di transito, i cui principi generali di funzionamento, già proposti nel 1990 dal brevetto di Giovanni Lanzara (U.S. Patent N° 4,979,445), si basano sul fenomeno conosciuto come effetto Meissner, tipico dei materiali superconduttori interagenti con campi magnetici applicati. Il sistema di levitazione innovativo che si propone, consta di: - Equipaggiamento, solidale alla via di corsa, composto da un binario con due guidovie parallele, costituite da travi in ferro, con sezione trasversale bilatera a forma di “V”, "L" o similare, con magneti permanenti che generano un campo magnetico statico; - Equipaggiamento, posto al di sotto del pianale del veicolo in corrispondenza delle suddette guidovie, costituito da “pattini”, a sezione trasversale concava a forma di “V”, "L" o similare, con lastre superconduttive ad alta temperatura critica, allocate stabilmente in appositi contenitori criogenici, raffreddate con azoto liquido. L’interazione tra il campo magnetico generato dalle guidovie, fisse a terra, ed i materiali superconduttori, posti a bordo del veicolo, produce, in corrispondenza di tutte le fasi del moto e per qualsiasi velocità di transito, forze di levitazione le cui componenti, verticali e trasversali, sono in grado rispettivamente di sollevare il veicolo, mantenerlo sospeso ad una certa distanza dal piano della via e di guidarlo lungo la stessa. Il sistema di levitazione magnetica proposto è di tipo repulsivo, stabile, autoequilibrante e non produce resistenze magnetiche lungo la direzione longitudinale del moto
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11697/29337
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact