Dolore cronico: un unico farmaco, un duplice scopo