Realtà e limiti nella terapia farmacologica dei movimenti involontari patologici