Effetto placebo e sonno: una sostanza farmacologicamente inattiva influenza le misure polisonnografiche?