Continuità e reticolarità ambientali, nuovi protagonisti del piano territoriale